FEDERAZIONE ITALIANA PRODUTTORI DI PIANTE OFFICINALI
 
BLOG
 
FORUM BIENNALE FEDERAZIONE PRODUTTORI PIANTE OFFICINALI
 
Piano di settore, Osservatorio economico e dati statistici della filiera delle piante officinali
 
contratti scritti, tempi di pagamento certi e fissati per legge dal 24 ottobre di quest'anno
 
 
AREA RISERVATA
 
INVIA LA RICHIESTA DI ADESIONE ALLA F.I.P.P.O.
clicca qui sotto
NOTIZIE
 
Impianti d'essiccazione e distillazione
 
Impianti di distillazione
 
Sistemi d'essiccazione
 
Istituzione tavolo tecnico
 
NOTIZIE
13-12-2013
Ministero delle politiche agricole e forestali

Costituzione Tavolo tecnico del settore piante officinali.

Con decreto n.15391 del 10 dicembre 2013 è stato ufficialmente istituito il Tavolo di Filiera delle piante officinali. (Decreto di istituzione del tavolo tecnico scaricabile da qui ).

 Il tavolo è stato istituito con la finalità di incentivare ed organizzare la produzione di piante officinali i risposta alle reali esigenze del mercato. Il presidente della FIPPO, associazione che ha promosso con più forza il tavolo, è fra i componenti del tavolo. Fra le prime azioni l'adozione del Piano di Settore, così come delineato nel corso del lavoro informale svolto nei mesi passati e che ha prodotto il primo rapporto sul settore (scaricabile da qui http://www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/8744). 

Fuori dagli schemi e dalle formule politiche, la FIPPO chiede che la coltivazione delle piante officinali sia definitivamente considerata una attività agricola libera da orpelli e vincoli. Che ci sia una normativa univoca in ambito igienico-sanitario per le varie attività della filiera, che ci sia una normativa univoca e chiara in ambito fiscale. Inoltre è fondamentale investire nella ricerca applicata, nella sperimentazione e soprattutto nella formazione e nella divulgazione, affinché cresca il patrimonio dei coltivatori professionisti e delle aziende che operano in un contesto di mercato. Infine è sempre di più fondamentale tutelare il made in Italy anche in questo ambito, specialmente nel settore degli aromi mediterranei. No a soldi a pioggia, no ad incentivi a produrre fuori dal contesto del mercato reale, no a progetti velleitari, costosi ed inutili, come talora si è fatto in alcuni settori, senza alcun beneficio reale per i coltivatori e le imprese. Tutti sono invitati a contribuire.